Sistema di verifica negli appalti

Nei contratti di appalto labour intensive è introdotto un sistema di controllo del corretto versamento delle ritenute fiscali (articolo 4 del decreto legge 124/2019, convertito dalla legge 157/2019).

Nei contratti di appalto labour intensive è introdotto un sistema di controllo del corretto versamento delle ritenute fiscali (articolo 4 del decreto legge 124/2019, convertito dalla legge 157/2019).

Il provvedimento prevede che le imprese appaltatrici e subappaltatrici di una o più opere o servizi di importo superiore a 200mila euro sono tenute ad effettuare il versamento delle ritenute IRPEF operate sui redditi di lavoro dipendente ed assimilato e delle relative addizionali con distinte deleghe per ciascun committente senza possibilità di compensazione.

La quantificazione dei versamenti distinti per ciascun committente va effettuata sulla base di parametri oggettivi come ad esempio le ore impiegate da ciascun lavoratore in esecuzione della specifica commessa.

Possono essere esclusi dai nuovi obblighi le imprese appaltatrici e subappaltatrici che risultino in attività da almeno 3 anni, siano in regola con le dichiarazioni e abbiano eseguito nell’ultimo triennio complessivi versamenti per un importo non inferiore al 10% dell’ammontare dei ricavi, non abbiano iscrizioni a ruolo o accertamenti o avvisi di addebito affidati alla riscossione per importi superiori a 50mila euro per i quali i termini di pagamento siano scaduti e siano ancora dovuti pagamenti o non siano in essere provvedimenti di sospensione o forme di rateazione non decadute.

Di fatto si introduce un “Durc fiscale” che avrà validità di quattro mesi e che attesterà lo stato di regolarità delle imprese appaltatrici.

La prima verifica è fissata al 31 gennaio 2020 e l’Agenzia delle Entrate dovrà rilasciare una certificazione in tempo utile per adempiere agli obblighi di versamento entro il successivo 17 gennaio 2020.

Sebbene l’Agenzia delle Entrate sia stata tempestiva a fornire i primi chiarimenti rimangono numerosi dubbi per committenti ed appaltatori.